MI GAMES HISTORY

Dal 2014 Mi Games promuove i valori dello sport nelle più importanti città italiane, come dice il claim “Live The City, Live The Sport”.
Tutti i grandi progetti iniziano con un’idea: il nostro è partito da un articolo di giornale ed si è evoluto nel tempo grazie al contributo di tante persone.
Una storia complessa e ricca di aneddoti: ecco la Mi Games History!

MI GAMES HISTORY

L'INIZIO

Un format innovativo da un articolo di giornale: nascono i Mi Games
L’idea

Gennaio 2014: nasce Mi Games! La lampadina nella testa di Davide Ardizzone si accende leggendo un articolo sul Corriere della Sera: “Un campo da basket, uno da calcetto e uno da beach volley uno di fianco all’altro… perché non organizzare un evento che coinvolga tutte e tre le discipline?”

I preparativi

L’idea c’è, ora bisogna svilupparla. Davide chiama a raccolta amici e compagni di università: Emone, Jack, Tia e Fede, i primi cinque Mi Gamers! First of all, occorre un logo: a questo ci pensa Emanuele “Emone” Bianchi, che tra una riunione notturna e l’altra in un ufficio senza luci (!) realizza la nostra inconfondibile mano. Entriamo in contatto anche con qualche sponsor, ma il colpo grosso è un altro: riusciamo a coinvolgere Ivan Cordoba e la sua Fondazione Italia Por Colombia, dando vita al primo dei nostri progetti charity. Si stampano locandine, la voce comincia a girare, si mettono a punto gli ultimi preparativi: il 19 maggio 2014, al centro sportivo PlayMore! (proprio quello di cui parlava l’articolo!), comincia la prima edizione dei Mi Games!

Ivan Ramiro Cordoba e Mi Games
L’evento

È un evento lunghissimo (ben 7 giorni di sport!), che coinvolge quasi 800 atleti in 4 discipline. In Moscova, pur con qualche (inevitabile) imprevisto, è un grande successo: al temine di tutto, la sensazione è che sia nato qualcosa che va oltre l’evento sportivo.

Mi Games 2014 - Torneo di Calcetto

MI GAMES 2014

19-25 maggio | Milano | Centro Sportivo PlayMore!

1

Tappa

7

Sponsor

4

Sport

3

Categorie

800

Atleti

12

Staff
Menu